Italia, nuova maglia 2018 di Puma

Square

Lunedì 9 ottobre, sul campo di Scutari nel match contro l’Albania, è previsto il debutto della nuova maglia dell’Italia 2018 di Puma con il nuovo logo Figc in bella evidenza. Ma c’è un’anteprima nella partita di venerdì 6 ottobre a Torino: contro la Macedonia è il portiere e capitano Gigi Buffon il solo a scendere in campo con la nuova maglia azzurra. Gli altri 10 giocano con la divisa di Euro 2016.

[ratingwidget_toprated type=”pages” created_in=”all_time” direction=”ltr” max_items=”10″ min_votes=”1″ order=”DESC” order_by=”avgrate”]

Puma e la Federcalcio hanno deciso di rendere un tributo a uno dei più grandi portieri della storia del calcio e impegnato a raggiungere il traguardo record del sesto mondiale nel caso di qualificazione dell’Italia a Russia 2018.

La divisa della Nazionale italiana è stata disegnata per rinvigorire i ricordi dei grandi fasti italiani del passato, con riferimenti al tricolore sui bordi delle maniche e dietro il colletto. Il colore è un classico azzurro con scollo a V. Gli orli sono blu navy e ricordano la maglia usata nel Mondiale tedesco del 2006.

nuova maglia azzurra Italia 2018

La maglia dell’Italia 2018 è stata realizzata con la tecnologia all’avanguardia evoKNIT Thermoregulation di Puma, una struttura che gestisce in maniera adattiva l’areazione e l’umidità e aiuta a mantenere la temperatura corporea in perfetto equilibrio. Grazie anche all’assenza di cuciture, la maglia offre una mobilità e un’indossabilità imbattibili per essere sempre al top della forma.

Se la si osserva in dettaglio, si noteranno le alette di aerazione poste nelle zone più critiche della maglia, le quali canalizzano l’aria per regolare la temperatura corporea, mentre la tecnologia dryCELL assicura una perfetta traspirabilità, grazie ai suoi filati ad alte prestazioni che lasciano scivolare via il sudore dal corpo. Il meglio della tecnologia si sposa con un comfort senza pari grazie alla struttura evoKNIT che non prevede l’uso di cuciture, regalando la sensazione di indossare una “seconda pelle” che si muove insieme al corpo e non contro di esso, garantendo più libertà di movimento sul terreno di gioco.

Lascia un commento