Categorie
Canotte Basket Nba

Perché Damien Lillard ha scelto il numero 0 nella Nba?

lillard-maglia-portland

Il talento dei Portland Trail Blazer è chiamato sul parquet con l’appellativo di “The letter O”. Scopriamo i motivi della sua scelta.

Perché Damien Lillard ha scelto di giocare con il numero 0 sulla maglia dei Portland Trail Blazer? Ce lo spiega un reportage pubblicato da Oregonlive.com che ha chiesto a 15 giocatori di Rip City qual è il motivo dietro la scelta del proprio numero sulla divisa rossonera.

Lillard, playmaker classe 1990, ha scelto di mettere il numero 0 nel 2012, quando è stato chiamato come sesta scelta assoluta al draft dalla franchigia di Portland. Lo zero significa un “nullo” e perciò difficilmente inquadrabile nei numeri positivi solitamente scelti dai giocatori della Nba.

Lo 0 come numero di maglia di Lillard a Portland: perché?

Ma Lillard ha pensato molto bene al numero da scegliere e lo 0 per lui non rappresenta un numero, ma una lettera dell’alfabeto: la lettera O. In questo modo viene anche annunciato dallo speaker ufficiale al Moda Center di Portland nel pre-gara:  “The letter O”.

Come mai la scelta allora di uno zero da intendersi come la quindicesima lettera dell’alfabeto latino? Un omaggio di Damien Lillard alle tre città che hanno formato la sua carriera di giocatore di basket. E’ nato e cresciuto a Oakland, al college ha giocato con Weber State nella città di Ogden nello Utah ed è poi arrivato nella Nba in una squadra dell’Oregon: i Portland Trail Blazer.

Giocatori famosi della Nba con il numero 0 sulla maglia

Un numero — lo zero — che porta bene nella Nba. Con la combinazione 00 ricordiamo Robert Parish, che con il nickname di The Chief ha giocato con Golden State Warriors, Boston Celtics, Charlotte Hornets e Chicago Bulls vincendo quattro campionati. Poi c’è anche Orlando Woolridge con Chicago Bulls, New Jersey Nets, Los Angeles Lakers, Denver Nuggets, Detroit Pistons, Milwaukee Bucks e Philadlephia 76ers che quasi sempre ha indossato lo 0 (raramente il 6). Woolridge ha giocato in Italia a fine carriera con Virtus Bologna e Benetton Treviso ovviamente non con il numero 0 (vietato dal regolamento), ma con il numero 8.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.