Categorie
Abbigliamento Tecnico Sport Usa

All’asta memorabilia dei Boston Bruins 1929-31 di Eddie Shore

boston-bruins-memorabilia-1929

Una maglia da hockey su ghiaccio dei Boston Bruins 1929-31 sta per essere battuta all’asta per una cifra vicina ai 100mila dollari.

Quanto può valere una memorabilia sportiva dei Boston Bruins come la maglia numero 2 di Eddie Shore del periodo tra il 1929 e il 1931? Questa la domanda che si è posto il signor Scott Johnston nella sua veranda non lontanto da Toronto, in Canada.

Stava per incorniciare la maglia usata da nonno Byron, che negli Anni 30 giocava a hockey nei Boston Bruin Cubs nella defunta lega Can-Am Hockey League. In pratica era la seconda squadra dei Boston Bruins, che dal 1924 giocavano nella Nhl. Come da tradizione le riserve usavano le divise dismesse dalla prima squadra e le portavano fino a quando erano da buttare. O da tenere come ricordo come nel caso di Byron Johnston, che ai figli e nipoti ha lasciato la sua memorabilia sportiva e una lettera con la quale veniva invitato da coach Art Ross dei Bruins a un provino (evidente poi fu dirottato tra le riserve).

Ma non fatevi tradire dalle apparenze: nonostante il badge sul braccio sinistro con il logo dei Boston Cubs, la maglia è 100% originale e usata dai Boston Bruins. Non solo: il numero 2 è uno di quelli che la franchigia di hockey ha ritirato, perché del mitico Eddie Shore. Mitico perché proprio con quella maglia nel 1929 ha vinto la prima Stanley Cup per i Bruins!

Eddie Shore, il mito canadese dell’hockey che è leggenda per i Bruins

Fatti due conti con la storia Scott Johnston ha deciso di far valutare il cimelio sportivo. Esiste un certificato di autenticità — come abbiamo scritto prima — e questo fa lievitare il valore della maglia: potrebbe addirittura arrivare sui 100mila dollari. “Una volta scoperto quanto vale non posso tenerla — ha detto Scott al The News Tribune –. L’avevamo da così tanti anni e non avevo proprio idea del suo valore”. Sarà battuta all’asta dalla casa Heritage Auctions il 21-22 febbraio.

Di recente una rara maglia in perfette condizione dei Chicago Blackhawks 1937-38 era stata scoperta grazie a uno show in tv: valutazione tra i 7 e i 10mila dollari. Ma se fosse messa all’asta il prezzo salirebbe alle stelle. Come mai? Perché le maglie origianli match-worn da hockey precedenti alla Seconda Guerra Mondiale sono merce rara negli Usa.

La divisa vintage dei Boston Bruins: memorabilia come poche nello sport Usa

Era un’epoca pionieristica per l’Nhl che cercava nuovo pubblico negli Usa anche se lo sport non era così popolare come in Canada. Eddie Shore, canadese, era ai tempi una stella dell’hockey e un personaggio che serviva per creare interessa intorno allo sport e alla squadra dei Boston Bruins. Ecco perché la sua maglia numero 2, oltre alla gloria sul ghiaccio, ha anche un forte valore storico e sociale.

Una ultima curiosità: la maglia dei Chicago Blackhawks del 1937 era della Spalding che aveva sede proprio a Chicago e fondata dal businessman Albert Spalding. Per i Boston Bruins l’etichetta riporta il produttore che era Horace Partridge & Co. con sede ovviamente a Boston e che all’epoca forniva le divise da baseball ai Boston Red Sox e Braves (poi a Milwaukee e ora ad Atlanta) e i Bruins.

Di Marco Scurati

Ho aperto il blog "Ama la Maglia" nel 2010. La maglia del cuore? Quella della Danimarca ai Mondiali di calcio 1986.

1 risposta su “All’asta memorabilia dei Boston Bruins 1929-31 di Eddie Shore”