Categorie
Abbigliamento Tecnico Divise Olimpiadi Sport Invernali

Sochi 2014, ecco le tre mascotte delle Olimpiadi invernali

sochi-2014-mascotte-olimpiadi

Le mascotte ufficiali delle Olimpiadi invernali di Sochi 2014 sono il pezzo più importante del marketing e merchandising legato ai Giochi. Le vedremo protagoniste anche nella cerimonia di apertura (occhio: la delegazione italiana è quella che sfilerà con le divise Coni disegnate da Giorgio Armani). Dal 1976 le Olimpiadi della neve e del ghiaccio hanno un loro animale portafortuna: a Innsbruck in Austria scelsero Schneemann, un pupazzo di neve. Per quelle estive, dopo la mascotte non ufficiale di Città del Messico 1968, la prima è stata il bassotto Waldi a Monaco 1972.

Leopardo, Orso bianco e Leprotto a Sochi 2014

In Russia hanno voluto fare le cose in grande — come avevamo ampiamente capito da anni — e così le mascotte ufficiali sono ben tre. Sono state scelta attraverso un concorso popolare che permetteva a chiunque di poter fare una proposta poi votata dal pubblica a casa. Qualche polemica per via di un endorsment di Valdimir Putin per il leopardo senza dimenticare che l’Orso è il simbolo del suo partito al potere. Alla fine hanno scelto anche la lepre nel terzetto ufficiale.

Non particolarmente fantasiosa la scelta dei nomi: sono Leopardo, Orso bianco e Leprotto.  Per molti le Olimpiadi invernali di Sochi 2014 rappresentano anche un palcoscenico politico per puntare i riflettori del mondo sulla Russia. Come ai tempi della Guerra fredda con il blocco Atlantico e quello Sovietico. Nello sport rivivremo le sfide dell’hockey su ghiaccio tra la Russia e gli Usa ma anche il Canada: gli americani ricordano il Miracle on Ice di Lake Placid 1980 mentre i canadesi la serie vinta contro l’Urss del 1972.

Nella storia delle Olimpiadi ci sono stati due appuntamenti dove si è voluto mettere in mostra la potenza politica ed economica di una federazione chiacchierata: Mosca 1980 e Sarajevo 1984. Ai Giochi estivi di Mosca la mascotte era il simpatico e paffuto orso Misha, che sembra un parente alla lontana del suo discendente nel terzetto di Sochi.

A Sarajevo, Giochi invernali, c’era il lupo Vucko dal ghigno furbo e spiazzante: il suo cavallo di battaglia nella serie a cartoni animati che lo vedeva protagonista era l’ululato “Sarajewouuu!”. Per chi scrive Misha e Vicko sono i primi ricordi legati alle Olimpiadi mentre l’aquilotto Sam di Los Angeles 1984 con la boombastica cerimonia di apertura sono una pietra miliare: da quell’edizione non me ne sono mai persa una e Sochi 2014 non sarà l’eccezione!

Le divise per le Olimpiadi di Sochi 2014 su Ama la Maglia

Per non perdere una notizia diventa fan della pagina su Facebook!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.