Categorie
Passioni Sport & Marketing

Brazuca adidas, il pallone da calcio di Brasile 2014

brazuca-adidas-pallone-brasile-2014

Colori e grafica ispirati ai braccialetti portafortuna: ecco il pallone Brazuca

Presentato il pallone Brazuca di adidas per i Mondiali di calcio Brasile 2014. Il nome è stato scelto nel 2012 tramite una votazione pubblica che in Brasile ha coinvolto un milione di appassionati: la parola “brazuca” è un termine informale che significa “brasiliano”, spesso utilizzato per descrivere il loro stile di vita. I colori e la grafica dei pannelli del pallone simboleggiano i tradizionali e coloratissimi braccialetti portafortuna diffusi nel paese (fita do Senhor do Bonfim da Bahia), oltre a riflettere l’allegria e il divertimento da sempre associati al calcio brasiliano.

Brazuca è stato sottoposto a un meticoloso processo di test durato due anni e mezzo che ha coinvolto oltre 600 calciatori di caratura mondiale e 30 squadre sparse attraverso 10 nazioni e 3 continenti. Brazuca è il pallone più testato della storia adidas — due anni e mezzo di prove in tre continenti –, per garantire prestazioni impeccabili in ogni condizione. Il pallone è già stato provato, con un design differente, durante il Mondiale di calcio Under 20 e in una partita amichevole tra Svezia e Argentina nel 2013.

La tecnologia utilizzata per la camera d’aria e la carcassa di Brazuca è identica a quella presente nei palloni Tango 12 (Euro 2012), Cafusa (Confederations Cup 2013) e nel famoso pallone ufficiale della Uefa Champions League. adidas ha realizzato tutti i palloni ufficiali del Mondiale di calcio organizzato dalla Fifa a partire dal 1970 in Messico — il mitico Telstar — e ha recentemente prolungato la partnership fino al 2030.

Cosa ne pensi di Brazuca, il nuovo pallone adidas per i mondiali di calcio 2014: lascia un commento!

Una risposta su “Brazuca adidas, il pallone da calcio di Brasile 2014”

Carina la storia del braccialetto. Non sapevo. Il pallone è simpatico, migliore degli ultimi “mondiali” ma non a livello degli storici a scacchi e tango. Mi chiedo perché bisogna ogni volta testare i nuovi palloni se, in definitiva, restano sempre tondi e cambiano solo i disegni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.