Categorie
Passioni

Andrea Pirlo, “Penso quindi gioco”: in un libro i suoi segreti

Andrea-Pirlo-libro-Penso-Quindi-GiocoAndrea Pirlo ha giocato e vinto tanto con la maglia del Milan e nelle ultime stagioni con la divisa bianconera della Juventus. Senza dimenticare il trionfo nel Mondiale 2006 in Germania con la maglia degli Azzurri. Il suo genio e la sua razionalità emergono nel libro “Penso quindi gioco” di Mondadori scritto da Andrea Pirlo a quattro mani con il giornalista Alessandro Alciato. Lo ha ripreso il blog Tacco Pinta Gol e proponiamo la sua recensione.

I complimenti iperbolici non sono mai sprecati se riferiti ad Andrea Pirlo, fantasista della Juventus e della Nazionale, ex Milan – con cui ha vinto e rivinto tutto il possibile – ed ex Inter.

«Per me il gruppo conta tantissimo, ma se mi dimenticassi di me stesso toglierei forza proprio ai miei compagni: tanti singoli fanno una squadra, tanti sogni fanno un trionfo». Un fuoriclasse. Un super campione iper titolato: Andrea Pirlo.

Ciò che colpisce di lui, oltre al geniale estro, è la formidabile logica fuori e dentro il campo. Creatività e raziocinio abitano in egual misura il suo corpo mettendo splendidamente in connessione testa e piedi. Penso quindi gioco (Mondadori, pag. 144, 16 euro) è la conferma della perfetta efficienza della macchina Andrea Pirlo. Il regista bianconero usa i piedi per calciare, la testa per pensare e la lingua per dire ciò che sente, senza tatticismo o giri di parole. Fra le tante prese di posizione scomode contenute in questo libro, Andrea Pirlo è categorico sui colleghi calciatori coinvolti nelle scommesse, suggerisce provvedimenti drastici per combattere la violenza negli stadi e il crescente razzismo che colpisce gli atleti di pelle nera.

Andrea Pirlo non è certo tenero nei confronti dei dirigenti che hanno provato a rottamarlo, mentre ha qualche rimpianto verso quegli addetti ai lavori (Barcellona, Real Madrid, Chelsea) che gli hanno fatto una corte spietata, ma mai nel momento giusto. Andrea Pirlo racconta anche il suo lato spiritoso che si esprime negli scherzi da spogliatoio. Negli anni rossoneri il suo bersaglio migliore è stato Rino Ringhio Gattuso, oggi la voglia di divertirsi gli fa trovare continuamente nuove prede, nella Juve e in Nazionale. Per la prima volta Andrea Pirlo, “il calciatore di tutti” – come lo definisce il mister Cesare Prandelli – svela qual è l’intelligenza che guida i piedi più raffinati del calcio europeo.

Di Marco Scurati

Ho aperto il blog "Ama la Maglia" nel 2010. La maglia del cuore? Quella della Danimarca ai Mondiali di calcio 1986.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.