Categorie
Passioni

Notizie del giorno 25 ottobre 2013

juventus-adidas
(da: juvemania.it)

Juventus e adidas insieme fino al 2022: i bianconeri lasciano Nike al termine del campionato 2014-2015 per vestire il brand con le tre strisce. Firmato un accordo di sponsorizzazione tecnica di sei anni: alla Juve saranno versati complessivamente 139,5 milioni di euro (senza materiale tecnico). adidas gestirà inoltre le attività di licensing e di merchandising a fronte di un corrispettivo fisso di 6 milioni di euro all’anno. Il Milan che ha rinnovato da poco con adidas fino al 2023 prenderà 200 milioni (compreso il materiale tecnico), 20 all’anno, per un accordo per dieci stagioni. La Juve ne prenderà 32,5 all’anno per sei stagioni. Perché Nike e Juventus non hanno rinnovato? Rapporti tesi dalla retrocessione in Serie B nel 2006 a seguito di Calciopoli: il brand voleva rescindere, ma non ci è riuscito. Le ultime tensioni — da quanto si legge in giro tra web e stampa — per la questione terza stella sulla maglia che è finita con l’ormai famoso “30 sul campo”. La foto del rendering con la maglia adidas della Juventus è presa dal sito: Juvemania.it.

maglia-Nike-Inghilterra

L’Inghilterra avrà due nuovi kit per il Mondiale di calcio in Brasile: la qualificazione conquistata all’ultimo momento porterà i designer Nike a sformare quattro maglie in un anno per la nazionale inglese. Tifosi inferociti: la turnazione prevede due anni per la maglia bianca e 18 mesi per quella di riserva. Un portavoce Nike si giustifica al Daily Mail: “Il 2013 è stato un anno eccezionale visto anche i 150 della FA al quale segue il 2014 con la qualificazione a Brasile 2014, ma dopo la Coppa del Mondo la rotazione delle maglie tornerà quella di prima“.

rudy_voeller_germania_ovest

Un venerdì con i baffi. Appuntamento amarcord con la prima rubrica del blog Ama la Maglia. Dopo lo zio Beppe Bergomi tocca a Rudy Voeller, storico baffo e bomber della Germania Ovest, campione del Mondo a Italia ’90, e anche della Roma.

9 risposte su “Notizie del giorno 25 ottobre 2013”

Partiamo dalla nota dolente… perché da appassionato e – soprattutto – tifoso bianconero, già tremo al pensiero di vedere le tre strisce adidas sulle mnaiche della Juventus! 😀 Scherzi a parte, spero davvero di non vedere a Torino la “colata d’oro” ammirata in anni recenti sulla sponda milanese…

Da principio, la notizia non mi sorprende: il club aveva un contratto decisamente low-profile, figlio della rinegoziazione post-calciopoli, e mi chiedevo fin quando la società si sarebbe mossa per allinearsi alle big europee. Soprattutto, questo decennio marchiato NIke non mi ha mai convinto del tutto, a livello di maglie: per la home, forse l’unica davvero ‘bella’ è stata quella della Serie B, che riprendeva la foggia di quelle del Trio Magico ( http://magliettemania.myblog.it/media/01/02/ac76fbe15345303bc19684a28830fcab.jpg ), mentre per le away, salverei solamente la gialloblu del 2005-06 ( http://www.sporting-heroes.net/content/thumbnails/00250/24917-zoom.jpg ) e la nera dello scorso anno; per il resto, casacche abbastanza dimenticabili.

Dopo i recenti accordi con Inter e Roma, era facilmente prevedibile che la Juventus volesse cambiare aria; ammetto però che mi aspettavo un passo avanti di Puma (che ha già prenotato l’Arsenal, ma che a parte il Borussia non veste altre squadre da primi posti) piuttosto che di adidas – che fin qui, ha sempre avallato la politica di un solo top-club per nazione: vero è che l’accordo è “solo” di 6 anni, ma il confronto monetario col Milan (partner storico dei tedeschi) fa di quello juventino un contratto di primo livello.

Al momento, mi pongo solo una domanda: perché un’ufficializzazione con ben due anni d’anticipo? Non mi ricordo di precedenti simili…

Partiamo dalla nota dolente… perché da appassionato e – soprattutto – tifoso bianconero, già tremo al pensiero di vedere le tre strisce adidas sulle mnaiche della Juventus! 😀 Scherzi a parte, spero davvero di non vedere a Torino la “colata d’oro” ammirata in anni recenti sulla sponda milanese…

Da principio, la notizia non mi sorprende: il club aveva un contratto decisamente low-profile, figlio della rinegoziazione post-calciopoli, e mi chiedevo fin quando la società si sarebbe mossa per allinearsi alle big europee. Soprattutto, questo decennio marchiato NIke non mi ha mai convinto del tutto, a livello di maglie: per la home, forse l’unica davvero ‘bella’ è stata quella della Serie B, che riprendeva la foggia di quelle del Trio Magico ( http://magliettemania.myblog.it/media/01/02/ac76fbe15345303bc19684a28830fcab.jpg ), mentre per le away, salverei solamente la gialloblu del 2005-06 ( http://www.sporting-heroes.net/content/thumbnails/00250/24917-zoom.jpg ) e la nera dello scorso anno; per il resto, casacche abbastanza dimenticabili.

Dopo i recenti accordi con Inter e Roma, era facilmente prevedibile che la Juventus volesse cambiare aria; ammetto però che mi aspettavo un passo avanti di Puma (che ha già prenotato l’Arsenal, ma che a parte il Borussia non veste altre squadre da primi posti) piuttosto che di adidas – che fin qui, ha sempre avallato la politica di un solo top-club per nazione: vero è che l’accordo è “solo” di 6 anni, ma il confronto monetario col Milan (partner storico dei tedeschi) fa di quello juventino un contratto di primo livello.

Al momento, mi pongo solo una domanda: perché un’ufficializzazione con ben due anni d’anticipo? Non mi ricordo precedenti simili…

A me piace molto la away di questa stagione: classica e iconica quanto basta anche per fare cassa con i tifosi. Sicuramente Juve e Nike non si sono mai presi più di tanto. Inutile negare che il contratto pesante per lo Swoosh è quello con l’Inter. Calciopoli e la vicenda delle tre stelle hanno fatto il resto. Voci da Torino parlano di una forte tensione quando lo sponsor tecnico si sarebbe rifiutato di mettere le tre stelle sulle maglia da gara (in pratica ogni squadra può mettere quello che vuole perché non esiste un regolamento specifico) per non urtare la sensibilità della dirigenza interista. Cosa che non è piaciuta a quella bianconera. A questo punto potrebbe essere uno “sgarbo” quello di aver annunciato la fine del contratto in anticipo e magari dobbiamo aspettarci una rescissione anticipata alla fine di questa stagione (falsariga Roma con Kappa). Per quanto riguarda adidas spero solo che la prima maglia realizzata dal brand a tre striscia venga presentata da Alex Del Piero: un riconoscimento dovuto per l’ex capitano!

Chiarisco: per quanto riguarda la away di quest’anno, la maglia in sé mi piace molto, una delle migliori sfornate da Nike per la Juventus; il “problema” è nel completo intero, coi pantaloncini blu che ritengo mal si abbinano ai dettagli bianconeri della maglietta… se avessero ripreso in toto l’iconica divisa della Coppa Coppe ’84 – cioè, esclusivamente gialloblu – l’avrei promossa a pieni voti… mentre così facendo, mi da’ l’impressione di due uniformi diverse mal amalgamate.

Forse perché la Juve è in borsa e tutti i contratti vanno resi noti. E poi tutto fa brodo per acquistare credito, anche gli introiti distanti due anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.