Categorie
Passioni Sport & Fun

Vancouver, BC Place e Roger Center: il viaggio di Andy

vancouver-bc-place-roger-center

Ecco il reportage di Andrea Rovelli dalla British Columbia, in Canada, con un focus sul BC Place e Roger Center a Vancouver

A Vancouver il BC Place con la sua Hall of Fame è una tappa obbligata. Come anche la casa dei Canucks al Roger Center. Andrea Rovelli, giramondo con una passione per gli sport Usa e per l’FC Lugano, ci propone un bel resoconto della sua visita in estate. Buona lettura!

vancouver-bc-place

Durante le mie vacanze in Canada ho avuto modo di visitare la Hall of Fame del BC Place, lo stadio utilizzato sia dalla squadra di calcio dei Vancouver Whitecaps, sia da quella di football dei BC Lions, e l’adiacente Rogers Center, il palazzetto del ghiaccio dove giocano i Vancouver Canucks. BC sta per British Columbia, in italiano Columbia britannica, regione situata nell’ovest canadese.

La BC Sport Hall of fame ha come scopo quello onorare gli sportivi della British Columbia che hanno ottenuto risultati straordinari preservando i loro oggetti e raccontando le loro storie di successo in ambito sportivo.

All’esterno del museo c’è una statua in ricordo di Terry Fox, il ragazzo malato di cancro e con una gamba amputata che nel 1980 divenne famoso per la Maratona della speranza, una corsa che aveva l’obiettivo di raccogliere fondi per la ricerca contro questa malattia.

Il percorso inizia alla sinistra dell’entrata, proprio con un’area dedicata a Terry Fox. Nella foto si intravedono le sue scarpe adidas consumate di colore blu e altri cimeli.

Si continua con le foto alle pareti dei più celebri sportivi della British Columbia tra i quali spiccano la star della NBA Steve Nash, ora ai Los Angeles Lakers, oppure Milan Lucic, giocatore dei Boston Bruins, che nel 2011 ha vinto la Stanley Cup proprio contro i Vancouver Canucks. La sconfitta venne presa talmente male dai tifosi che questi si scatenarono nelle strade di Vancouver bruciando cassonetti e mettendo a soqquadro la città. Tuttavia, il giorno successivo alla rivolta popolare, diversi tifosi si recarono in strada, indossando la maglia della loro squadra del cuore (originale chiaramente) per pulire i disastri causati dai tifosi violenti la sera precedente!

Una parte del museo è anche utilizzata come ritrovo per festeggiare i compleanni dei bambini. Infatti troviamo una sorta di sala giochi con la riproduzione di una pista di atletica lunga 10 metri con tanto di cronometro per misurare la velocità, una porta di hockey con puck e bastoni a disposizione, un simulatore di calci di rigori, e un “hockey balilla” (la foto non riguarda l’hockey balilla del museo ma uno che ho trovato in un bar).

Più avanti c’è anche una finestra che si affaccia sullo stadio. Nella foto si vedono degli operai che stavano preparando il palco per il concerto di Taylor Swift.

Ci sono anche diverse maglie delle precedenti squadre di hockey di Vancouver, uno spazio riservato al calcio con le maglie delle squadre di Vancouver e diversi palloni, uno dei quali firmato addirittura da Pelé!

Trovano posto anche le squadre di altri sport come il rugby, il nuoto, l’atletica con la caratteristica foglia d’acero come denominatore comune.

Tornando indietro, alla destra dell’entrata, hanno ricavato uno spazio aperto per ricordare le olimpiadi invernali di Vancouver 2010 (questa cosa mi ricorda il museo del calcio giapponese 🙂 con cimeli come le torce olimpiche e le divise delle varie federazioni. Non poteva mancare uno spazio dedicato alla squadra di hockey, vincitrice dell’oro olimpico 2010. Per l’occasione la squadra canadese aveva dovuto adattare alle regole olimpiche il logo della federazione, a mio parere con un risultato spettacolare. Infatti dentro la foglia d’acero sono rappresentati, tono su tono, i simboli caratteristici del Canada come l’alce, l’aquila, il fleur de lis, il castoro, i salmoni…

Di fronte alle casse dell’entrata c’è un piccolo spazio dedicato al merchandising dei Vancovuer Whitecaps e dei BC Lions. La maglia dei Whitecaps è venduta a 111 dollari canadesi + tasse (15% ca.). In alcuni negozi della città si può trovare anche a 100 dollari.

FOTOGALLERY 1

FOTOGALLERY 2

Situato a pochi metri dal BC Place, troviamo il Rogers center, il palazzetto del ghiaccio dove giocano i Vancouver Canucks. E’ possibile visitare lo stadio tramite un tour organizzato che parte dal negozio di merchandising e ha luogo 3 volte alla settimana in diversi orari della giornata. Quel giorno abbiamo avuto la fortuna di essere gli unici presenti al tour delle 12.00 e quindi abbiamo potuto fare con tutta calma le foto che volevamo.

Mi ha incuriosito molto il fatto che i jingle tipici delle partite di hockey (chi ha giocato ai vari NHL sa a cosa mi riferisco) sono suonati dal vivo con una tastiera elettronica!

Da tifoso del FC Lugano (ancora!)mi aveva colpito la maglia gialla con la V rossa e nera presente in alcune foto e riproposta di recente come maglia alternativa. La guida ci ha spiegato che in un recente sondaggio, era stata votata come maglia più brutta mai indossata dai Canucks. Siete anche voi dello stesso parere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.