Categorie
Abbigliamento Tecnico Ciclismo

Maglia ciclismo dell’Italia per i Mondiali di Toscana 2013

maglia-ciclismo-italia-2013

Aero Race 5.0 testata nella galleria del vento per rendere più performante la maglia ciclismo Italia 2013 di Castelli

Presentata la maglia ciclismo dell’Italia per i Mondiali di Toscana 2013 prodotta da Castelli. Prima cosa che salta all’occhio è che la divisa non è azzurra in tinta unita ma con ben tre colori. Il top con spalle e maniche è bianco, i fianchi sono neri e il resto della maglia azzurro. Banda tricolore all’interno del collo con il verde in alto. Sulla schiena, sotto la scritta Italia, c’è una piccola bandiera italiana. Presenti due jersey sponsor: Skoda e Terme di Montecatini. Sicuramente appariranno altre patch con gli sponsor delle squadre dei singoli ciclisti che credo saranno in gara con i loro cosciali personalizzati.

maglia-italia-ciclismo

Ma analizziamo la vera novità della maglia ciclismo Italia 2013 di Castelli. Con l’innovativo Aero Race 5.0 Jersey tests nella galleria del vento hanno dimostrato che la maglia aerodinamica consente di risparmiare 20 Watt ogni 40km/h rispetto ad una maglia da ciclismo tradizionale. Il che equivale a circa 80 secondi risparmiati ogni ora. Sono stati completamente rivisti tutti i dettagli della maglia Aero Race 5.0 con la collaborazione della squadra professionistica Team Garmin-Sharp, iniziando il lavoro con il supporto del software CFD per un’attenta simulazione del comportamento del tessuto sul corpo di un ciclista, avvalendoci poi dei nostri corridori per giornate di test in galleria del vento e non meno importanti test su strada, per concludere nei più impegnativi campi di gara del Giro d’Italia e Tour de France.

La maglia Aero Race 5.0 è la più grande innovazione in termini di race performance – spiega Steve Smith, Castelli global brand manager –. Questo prodotto rappresenta il più grande miglioramento aerodinamico mai visto, in una delle maglie più leggere mai fatte. Le regole del gioco sono cambiate“.

2 risposte su “Maglia ciclismo dell’Italia per i Mondiali di Toscana 2013”

C’è da dire che, per le nostre nazionali di ciclismo, l’uso del bianco non è certo una novità; mi pare sia da metà anni ’90 che non vediamo più una “classica” maglia azzurra, soppiantata stabilmente da divise bianco-azzurre: addirittura, per quanto concerne Giochi Olimpici e Paralimpiadi, da Atene 2004 in poi abbiamo sempre usato divise total-white, mentre in precedenza, ad Atlanta ’96 e Sydney 2000, erano state perfino proposte delle maglie azzurre con pesanti inserti verdi.

Venendo alla divisa scelta per i Mondiali 2013 di Firenze, ammetto che l’idea di una maglia spaccata mi sarebbe piaciuta molto… ma non con tre colori: quelle bande nere sui fianchi, molto semplicemente, non c’entrano proprio nulla con l’Italia. Peccato perché, se le zone dei fianchi fossero state bianche o azzurre, la divisa l’avrei sicuramente promossa.

A mio parere era necessario mettere in evidenza gli sponsor che “spariscono” sull’azzurro. A quel punto io avrei puntato al total white (che porta pure bene come con Bettini ad Atene 2004). Però con i Mondiali in casa io avrei puntato sull’azzurro in tinta unica… Ma è solo un parere estetico!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.