Categorie
Europa Maglie Calcio Nazionali

Calcio, Inghilterra: no della Fifa a papavero rosso su maglia della Nazionale per Remembrance Day


L’11 novembre è il giorno dedicato alla memoria dell’armistizio che ha messo fine alla Prima guerra mondiale nel Commonwealth e in altri Paesi nel mondo. Si onorano anche i caduti di tutti i conflitti. Ma alla Nazionale di inglese è stato vietato di indossare il red poppy nell’amichevole contro la Spagna a Wembley in programma il 12 novembre.

Fonti del post:

The Independent
The Guardian
Umbro Blog

La Football Association inglese ha ammesso di aver perso la sua battaglia con la Fifa e la Nazionale dei Tre Leoni non metterà i red poppies sulla maglia dell’Inghilterra nell’amichevole contro la Spagna in programma a Wembley il 12 novembre 2011. Nella stessa partita gli spagnoli giocheranno con la nuova maglia realizzata da adidas per Euro 2012. La risposta ufficiale del board Fifa agli inglesi è che non possono creare un precedente altrimenti tutti e 207 membri della Federcalcio mondiale inizierebbero a chiedere permessi per decorare le divise i giorni degli anniversari. Inoltre la Fifa ha preso ufficalmente posizione citando che “i regolamenti per l’abbigliamento dei giocatori in campo e dello staff in panchina non permette di indossare messaggi riconducibili a politica, religione e pubblicità occulta”.


E’ stato dato l’ok all’utilizzo dei red poppies sulle divise da allenamento ed è stato autorizzato il minuto di silenzio prima del kick off per ricordare i caduti di guerra. I training kit saranno poi messi all’asta per beneficenza. Quest’anno la tradizione di indossare i papaveri rossi è arrivata al 90° anno grazie al Royal British Legion che raccoglie anche fondi. Il giorno del Remembrance Day è solitamente l’11 novembre. George Blatt, segretario generale del Normandy Veterans Association, si è detto “senza parole” per la decisione della Fifa.

Leggi anche:

Gran Bretagna, sbocciano papaveri sulle maglie ma fioriscono anche le polemiche

Road to Euro 2012, nuove maglie per l’Inghilterra: scatta l’operazione rilancio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.