Categorie
Passioni Venerdì & baffi

Un venerdì con i baffi, Mondiali: Mario Kempes

Mario Kempes vinse il Mundial nel 1978. Festeggiando in modo molto frugale.

Mario Kempes vinse il Mundial nel 1978. Festeggiando in modo molto frugale.

In Argentina dopo è arrivato Diego Armando Maradona. Ma prima c’era la stella luminosa di Mario Kempes, fuoriclasse classe 1954, capace di giocare a centrocampo, seconda punta o ala sinistra. Ma soprattutto un calciatore con un micidiale fiuto del gol.


El Matador, questo il suo soprannome, E’ stato per due anni consecutivi il miglior realizzatore della Liga spagnolo – El Pichichi – con la maglia del Valencia. Nel 1978 è stato goleador al Mondiale argentino. Suoi due gol nel 3-1 in finale contro l’Olanda.


La leggenda, confermata dallo stesso Kempes, vuole che dopo la premiazione il campione del Mondo abbia guidato per 300 km da Buenos Aires a Rosario per andare a trovare i suoi genitori. Tutta la famiglia lo aspettava in piedi con il caffè caldo. Una tazza, un po’ di festa e poi a nanna.


Dopo aver smesso l’attività agonistica è diventato allenatore senza lasciare grandi ricordi. Ha perfino allenato in Albania. Oggi i suoi baffi mondiali non ci sono più. Il suo era un look da rock star: il baffo c’era e non c’era, la barba spesso incolta e il capello ribelle. Un personaggio dentro e anche fuori dal campo.

2 risposte su “Un venerdì con i baffi, Mondiali: Mario Kempes”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.